Notizia

img-notizia

07/06/2019Essere bambini in Repubblica Centrafricana

Serge…non lo trovavo, non lo vedevo da qualche giorno…mi chiamano che c’é un cadavere già in fase di decomposizione dopo la pista dell’aeroporto…suora forse é uno dei suoi ragazzi…cosi dice la voce al telefono. Chiamo il medico direttore dell’ospedale…polizia e Gendarmeria non esistevano…nessuno ha voluto muoversi…sono andata con la mia piccola Suzuki sulla quale avevo issato un asciugamano bianco…e…si era proprio Serge: un corpo dilaniato con evidentissimi segni di tortura e poi crivellato di colpi. Ho ancora le pallottole con me non so perché le ho tenute….Ho pianto…insieme ad altri ragazzi abbiamo scavato una fossa…una preghiera, un saluto. Giusto in tempo rientrati in centro e una macchina piena di ribelli veniva nella nostra direzione! - Suor Elvira Tutolo

 

Nel 2013 in Repubblica Centrafricana è arrivata la guerra. Tanti bambini, ragazzi, giovani sono stati uccisi, proprio come Serge. Suor Elvira Tutolo, i ragazzi e le famiglie della Fraternità Kizito sono stati testimoni di terribili atti di violenza, di torture, di aggressioni, di violenze sessuali.

 

Secondo il terzo report annuale sulla condizione dell‘infanzia nel mondo di Save the Children la Repubblica Centrafricana è il Paese più difficile in cui vivere e crescere per un bambino.

 

Sono ancora 690 milioni i bambini a cui sono negati i loro diritti fondamentali. Ma nonostante questo, dal 2000 ad oggi, sono stati fatti tanti passi avanti per migliorare le loro condizioni di vita. È calato il numero di minori che non frequentano la scuola e di quelli coinvolti nella piaga del lavoro minorile, sono diminuiti i casi di malnutrizione e le spose bambine. Anche noi, possiamo guardarci indietro consapevoli di aver contribuito a questi risultati positivi, ma sempre motivati a fare ogni giorno di più.

 

In Repubblica Centrafricana, insieme all’organizzazione Kizito, stiamo lavorando per garantire loro tutto quello che serve per dimenticare queste atrocità: protezione, cure, istruzione e l’amore di una famiglia vera.

 

Aiutaci anche tu a donare una speranza a centinaia di bambini. Dona ora!


Per approfondire leggi il nostro rapporto annuale

Condividi

Amore è la luce dello spirito Quando abbiamo bisogno della luce? Non durante il giorno, ma quando regna la notte. Allora ci occorre una lampada, una fiamma, la luna. Fate del vostro meglio per portare luce e amore nella vita di coloro che incontrate.

Sathya Sai Baba

    •  Chi siamo

    •  Cosa facciamo

    •  Iniziative

    •  Comunicazione

    •  Come sostenerci